Youth Workers Workshop – Face to Face project

It’s always amazing to meet new people and challenge yourself to learn, think and accept things may be you knew before or having different perspective of it.

_DSF8302

My colleague Anna Chokheli and I are in Villa Olanda, Torino to attend a youth workers’ meeting, the training of the project Face to Face. A great part of the program is meeting our colleagues from different corners, developing cooperation and sharing problems we face in our daily work as youth workers.

Everyday is so different, like presenting organizations, sharing experience and tools we use as youth workers, and visiting local organizations providing support to people in need.

_DSF8298

 

One of the great tools we were introduced to is shadow theater methodologywhich they implemented at school. This methodology itself is very unique and simple. It gives a lot of possibility to work effectively among school youth and supports inclusion.

 

During our stay, we had opportunity to meet Mr. Renato Galetti from “Liberi dalla violenza” NGO. He talked about the program they provide for men to decrease violence and support them to change their behavior towards violence against women.

A very interesting part is that most of the organizations or associations working in Torino are based on volunteerism. Most of the programs like different services are implemented through the support of volunteers. “It’s part of our culture, we have professionals who dedicate their time and experience to people in need.” It’s always great motivation to see great examples of volunteerism and how people do it in reality.

On the last day we planned an agenda for youth exchange, which will be held in March. We are so excited. It gives seven Georgian youth aged 15-17 to be part of this great program, to travel and learn more on cultural diversity, human rights, stereotypes, etc.

Tinatin Meskhi, Helping Hand, Tblisi, Georgia

Advertisements

Camminiamo insieme

walking

“Walking is man’s best medicine.” – Hippocrates

 

Lavoro a casa di riposo per persone aniziane con altri quattro volontari. All’inizio non abbiamo avuto una lingua comune. Sono grato che tutti lavoratori e ospiti sono stati così gentili e pazienti. Per gli ospiti la lingua comune non era importante. Piccole cose sono stati importante per loro, per esempio attitudine positiva, ascoltare o leggere il giornale con loro. Gli ospiti sono felici che i volontari abbiano il tempo di stare con loro. È bello andare a lavorare quando gli ospiti salutano felici.

Voglio parlare di uno dei nostri compiti. Uno di nostra compito è camminare ogni pomeriggio con ospiti che non possono camminare da soli o non vogliono camminare da soli. Per i volontari questa è una piccola cosa ma per gli ospiti questo è molto di più. Per molti ospiti questa è una parte molto importante della loro giornata. Loro aspettano e domandano: “Quando camminiamo insieme ancora?” Si sentono più indipendenti e più forti quando camminano. A volte sono stanchi dopo le camminate ma anche felici di essere in grado di camminare.

Per gli ospiti camminare è anche un bel modo di passare il tempo. Durante la passeggiata salutiamo e parliamo con gli altri ospiti. Loro sono felici di vedersi e si incoraggiano l’un l’altro a camminare. Gli ospiti sono molto grati che i volontari abbiano il tempo di camminare con loro.

Sara Ollikainen, EVS dalla Finlandia, all’Asilo per persone Anziane di Luserna San Giovanni, progetto “SONS, Same Old New Stories: Youngsters discovering roots of Europe”